Funzionigramma, Commissioni funzionali, Area sicurezza , Area amministrativa

 

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

LICEO STATALE “DEMOCRITO”

CLASSICO e SCIENTIFICO

 

FUNZIONIGRAMMA

 

Dirigente scolastico 

prof.ssa Paola Bisegna 

 

Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 

Giudice i.q. Giuseppe Renato Croce, che opera nell’ambito di un team per la sicurezza, che include la figura dell’Aspp, che ha le competenze tecniche e la responsabilità di seguire – quotidianamente – la situazione rimuovendo e/o segnalando, con il supporto del Dsga, all’ente proprietario le azioni necessarie per mantenere e migliorare la condizione strutturale degli edifici assegnati. Il team sicurezza è completato dalla figura del RLS, responsabile dei lavoratori per la sicurezza (designato nell’ambito delle RSU tra le RSU Ai sensi dell’art. 73 del CCNL.Non potendo individuarlo tra le Rsu è stato votato dall’assemblea). Il team è completato dalle docenti della Vicepresidenza, referenti per i due plessi 

 

Staff di dirigenza 

Sono previsti collaboratori per espletare le funzioni vicarie, redazione di verbali di collegio, applicazione POF, gestione Edificio B, gestione succursale Largo Herzl, gestione della comunicazione (sito web della scuola e grafica).

Fanno parte dello staff di dirigenza i due docenti collaboratori del Dirigente scolastico, un docente referente per i diversi edifici dell’IS, in particolare un docente referente per la succursale. Allo staff afferiscono anche docenti in grado di operare per le diverse aree di impostazione : orientamento in entrate e in uscita, referente per l’area dell’Alternanza Scuola Lavoro, dell’applicazione insegnamento con metodologia Clil, dell’area del supporto alla professione docente. Operano in stretta collaborazione con la c.d. Vice Presidenza Diffusa composta dai coordinatori di classe, i coordinatori dei Dipartimenti, i docenti responsabili di Funzioni strumentali, l’animatore digitale. 

 

Docenti referenti -  Referenti articolazioni CD ed Aree Istituzionali  

Al fine di garantire la piena attuazione delle diverse attività didattiche previste dal PTOF, per ogni indirizzo ed opzione scolastica è istituita la figura del referente di indirizzo, Scientifico o Classico, dell’opzione relativa alle c.d. Classi Cambridge per l’ampliamento dell’apprendimento linguistico e dell’opzione Robotica, che attua l’innovazione didattica con approccio al pensiero computazionale, i cui compiti principali sono così definiti: 

- VPD (Vicepresidenza diffusa) / Coordinamento didattico dei Consigli di Classe.

- Coordinatori: indirizzo scientifico e classico; di dipartimento; per l'orientamento in entrata e in uscita; per il progetto ambiente e sviluppo sostenibile.

- Responsabili laboratori ed aule speciali (con l'ausilio dei tecnici di laboratorio).

- Delegati per formazione e aggiornamento, per l'innovazione e il PNSD (classe 2.0), per l'inclusione, per l'autovalutazione d’istituto – RAV.

- Referenti per i settori: Invalsi e obbligo scolastico; P.O.F.; Alternanza scuola lavoro; Individualizzazione curriculum alunni; Educazione alla salute; Mobilità studentesca Internazionale; Reti di scuole; Bilinguismo e IGCSE; Teatro; Volontariato; Recupero.

 

  • svolgere azione di costante raccordo e di comune intesa con i collaboratori del Dirigente scolastico; 
  • collaborare nell’esecuzione delle deliberazioni prese dagli Organi collegiali; 
  • coordinare la formulazione dell’organizzazione oraria 
  • collaborare nella formulazione del Piano annuale delle attività; 
  • collaborare in merito al puntuale adempimento dei compiti connessi con la funzione docente, nell’accertamento dell’orario di servizio ed in merito al rispetto delle norme previste dal regolamento interno inerenti la vigilanza sugli alunni ed il rispetto delle regole e dell’ambiente;
  • aggiornare il Dirigente sulle criticità emerse nella diverse sedi;
  • verificare che le circolari emesse e tutte le comunicazioni interne siano messe in visione ed effettivamente portate a conoscenza degli interessati; 
  • promuovere il rispetto del Regolamento interno d’Istituto per trasmettere agli  alunni corretti stili di vita ed i principi fondamentali della convivenza democratica; 
  • collaborare in merito alla puntuale applicazione degli adempimenti previsti dai  D.lgs n  81/08; 
  • coordinare l’andamento delle assenze, permessi e relative sostituzioni del personale docente; 
  • collaborare nel coordinamento del regolare svolgimento delle riunioni di programmazione e verifica delle attività didattiche dei consigli di classe e relativa consegna e conservazione della specifica documentazione; 
  • curare, a supporto ed in collaborazione con i docenti delle singole classi, i rapporti con i genitori per questioni quali assenze prolungate, ritardi, comportamenti non conformi alle regole ecc.; 
  • collaborare nel promuovere e coordinare gli interventi e le attività volte ad ottimizzare l’utilizzazione delle risorse professionali e strumentali dell’Istituto; 
  • collaborare nella fase delle iscrizioni e nella formazione delle classi; 
  • segnalare ogni eventuale anomalia o disfunzione eventualmente riscontrate ed ogni iniziativa che si ritenga utile per il buon andamento organizzativo e gestionale dell’Istituto. 
  • curare il collegamento tra Dirigenza e insegnanti, sottoponendo al Dirigente scolastico eventuali questioni rilevanti; 
  • accogliere gli eventuali docenti nuovi all’interno dell’IS e cercare di favorirne l’inserimento; 
  • curare la raccolta e le gestione della documentazione (programmazioni, test d’ingresso e finali, piano viaggi e visite di istruzione, procedura di adozioni libri di testo ecc.); 
  • partecipare alle eventuali riunioni di staff di Dirigenza. 

 

Coordinatori di classe  e  Vicepresidenza diffusa

Dall’anno scolastico 2011/2012, è stata istituita nel Liceo Democrito la funzione di Vicepresidenza diffusa, che prevede che ogni coordinatore di classe non solo costituisca il punto di riferimento didattico educativo dei singoli Consigli di Classe, ma sia anche di supporto all’organizzazione delle attività scolastiche, oltre a curare i rapporti con le famiglie in situazioni ordinarie e straordinarie. 

I docenti coordinatori, responsabili anche della Vicepresidenza diffusa, mettono in campo competenze organizzative e relazionali, interloquiscono con studenti, genitori e colleghi, affrontano le situazioni più difficili e di fragilità con grande rispetto e umanità, ma con fermezza professionale. Sono inoltre sempre presenti alle riunioni collegiali e si fanno carico dei problemi che, solitamente, emergono nelle diverse classi. Coordinano inoltre la valutazione collegiale, ineludibile per una corretta valutazione intermedia e finale. Si impegnano nel motivare anche gli alunni più fragili credendo nelle loro capacità di recupero e di ricerca del successo formativo. Interpretano ed illustrano ad alunni e genitori quello che è lo spirito che ha portato alla definizione del Ptof d’Istituto, cercando di cogliere tutte le opportunità che vengono offerte.

Per ogni Consiglio di classe è istituita la figura del coordinatore, che ha i seguenti compiti in relazione alle attività previste dal PTOF e dagli ordinamenti della scuola: 

  • presiedere il Consiglio di classe su delega del Dirigente Scolastico ed essere responsabile dell’operato dello stesso; 
  • proporre al Dirigente scolastico argomenti da inserire/ aggiungere all’o.d.g. dei Consigli di Classe; 
  • verificare, in quanto responsabile del contenuto dei verbali delle riunioni dei Consigli di classe, che la verbalizzazione sia condotta in modo corretto e accurato; 
  • promuovere e coordinare lo svolgimento di visite guidate e uscite didattiche e la partecipazione della classe ad attività integrative, verificandone la rispondenza quantitativa e qualitativa alla programmazione annuale deliberata dal Consiglio di classe; 
  • predisporre la Programmazione didattico-educativa della classe; 
  • predisporre la Relazione finale dell’attività svolta dalla classe; 
  • verificare periodicamente lo svolgimento della Programmazione Annuale e proporre al Consiglio strategie utili al raggiungimento degli obiettivi. 
  • ricordare ai rappresentanti di classe il calendario delle riunioni dei Consigli di Classe per favorire il più ampio e  proficuo dialogo scuola-genitori;
  • fornire al Dirigente scolastico un report sintetico della riunione del Consiglio di classe in caso di situazioni degne di attenzione del Dirigente; 
  • curare la completa redazione dei PDP per gli alunni DSA/BES e la consegna ai rispettivi genitori, curando inoltre la verifica finale sugli stessi; 
  • controllare che tutte le operazioni dei Consigli e degli scrutini siano effettuate esaustivamente, che il caricamento dei voti da parte dei docenti del Consiglio di classe sul portale sia effettuato nei tempi e nelle debite modalità; 
  • proporre il voto di comportamento
  • introdurre la riunione per l’elezione dei Rappresentanti di classe dei genitori; 
  • curare l’accoglienza dei supplenti temporanei, aiutandoli, anche con il coordinatore del Dipartimento di materia, ad organizzare il loro lavoro; 
  • gestire le piccole conflittualità che dovessero sorgere all’interno della classe e i rapporti scuola/genitori in rappresentanza del Consiglio di classe; 
  • intervenire per la soluzione dei problemi disciplinari e controllare che il regolamento disciplinare sia adeguatamente applicato; 
  • fare richiesta al Dirigente Scolastico, laddove esista la necessità, perché venga convocato in seduta straordinaria il Consiglio di classe per eventuale valutazione di sanzioni; 
  • controllare periodicamente le assenze e i ritardi degli alunni, informando la Dirigenza nel caso di situazioni particolari; 
  • tenere in maniera particolare i rapporti con le famiglie degli alunni problematici; 
  • partecipare ad eventuali riunioni, che si rendessero necessarie, con il Dirigente scolastico ed altri docenti per affrontare specifiche problematiche;  
  • predisporre le comunicazioni inter-pentamestrali di notifica ai genitori sull’andamento didattico-disciplinare del loro figlio; 
  • interloquire con le Funzioni Strumentali al POF, i collaboratori del Dirigente scolastico e con il docente referente di sede;  
  • coordinare, seguire e rendicontare la partecipazione degli alunni alle attività e percorsi di Alternanza Scuola Lavoro

 

Coordinatori dei Dipartimenti 

Il Collegio dei docenti è articolato in 11 Dipartimenti, per ogni Dipartimento è nominato un coordinatore, i cui compiti e funzioni principali sono :  

  • rappresentare il proprio Dipartimento e collaborare con la Dirigenza, il personale e i colleghi; 
  • raccogliere le varie proposte provenienti dai docenti di Dipartimento ed inoltrarle agli Organi competenti per le eventuali delibere; 
  • avanzare proposte al Dirigente scolastico in merito all’ordine del giorno delle riunioni, raccolte e analizzate le necessità didattiche e sulla scorta delle indicazioni e delle richieste presentate da singoli docenti e prepara l’eventuale materiale che è argomento di discussione 
  • su delega del Dirigente scolastico, presiedere il Dipartimento e verbalizzarne le sedute; il verbale, una volta approvato e firmato dal coordinatore, viene riportato sul registro generale dei verbali del Dipartimento e trasmesso al Dirigente; 
  • tutte le volte che lo ritenga necessario e, comunque, entro il monte ore annuo fissato dall’art. 29 del C.C.N.L vigente convocare, con un preavviso minimo, le riunioni del Dipartimento, tramite avviso scritto a ciascun docente, comunicandone data e orario alla Dirigenza e ai docenti responsabili di sede;  
  • essere punto di riferimento per i docenti del proprio Dipartimento come mediatore delle istanze di ciascun docente, garante del funzionamento, della correttezza e trasparenza del Dipartimento; 
  • verificare eventuali difficoltà presenti nel proprio Dipartimento. Quando il dialogo, il confronto e la discussione interna non risolvano i problemi rilevati, ne riferisce al Dirigente scolastico; 
  • al termine dell’anno scolastico relazionare al Dirigente scolastico e al CD in merito ai risultati raggiunti. 
  • la definizione degli obiettivi generali delle singole discipline, degli standard  minimi in termini di contenuti e competenze  comuni a tutte le classi parallele; 
  • la promozione e la sperimentazione di metodologie didattiche plurime; 
  • la definizione di criteri uniformi di valutazione; 
  • la scelta delle modalità di verifica e la costruzione di verifiche comuni (iniziali, intermedie, finali); 
  • la costruzione di un archivio di verifiche; 
  • la scelta dei libri di testo e dei materiali didattici; 
  • il confronto delle diverse proposte didattiche dei docenti in ordine alla disciplina; 
  • l’innovazione, attraverso un lavoro di ricerca-azione e autoaggiornamento; 
  • la promozione di proposte per l’aggiornamento e la formazione del personale; 
  • la promozione di proposte di attività didattiche non curriculari e uscite didattiche attinenti l’area disciplinare propria; 
  • la definizione di proposte di ampliamento dell’offerta formativa;  
  • la promozione di proposte di attività e progetti di accoglienza, orientamento e approfondimento e di didattica integrativa. 

 

 

Commissioni – Incarichi funzionali alle attività 

Sono inoltre operative le specifiche commissioni, previste per svolgere le relative funzioni, tutte specificate nel Pof 2016/17 e nel relativo organigramma

  • Commissione elettorale.
  • Commissione di coordinamento del P.T.O.F..
  • Commissione formazione classi.
  • Commissione Bilinguismo e IGCSE.
  • Comitato di Valutazione del Servizio.
  • Tutor per docenti in anno di prova / formazione.

 

Commissioni  Funzionali 

Funzioni strumentali

I docenti responsabili di Funzioni Strumentali hanno compiti di coordinamento generale relativamente a specifiche aree di intervento coerenti con i principi che ispirano l’offerta formativa.  Tra gli altri loro compiti generali: 

  • curare lo svolgimento dei diversi progetti ed impegni che afferiscono alla propria area di riferimento, sempre in stretto collegamento con le diverse aree che costituiscono un approccio sistemico all’offerta formativa dell’IS;
  • dare supporto al lavoro svolto dai singoli Dipartimenti, anche per favorirne il raccordo; 
  • curare la pubblicizzazione e la documentazione relativa al Ptof e al Pof della singola annualità:  
  • partecipare alle riunioni di coordinamento con le altre funzioni strumentali in raccordo con le Commissioni 

 

Negli ultimi anni il Collegio Docenti, per una migliore gestione delle attività della scuola, ha individuato le seguenti 3 aree: 

 

1. “Verso una smart school” : curando la gestione generale del P.O.F.  

 

Tale area di lavoro, funzionale alla realizzazione del Piano triennale dell’offerta formativa, svolge la delicata e complessa funzione di predisposizione delle diverse iniziative  

 Compiti specifici:  

  • esame delle schede dei progetti didattici proposti per l’ampliamento dell’offerta formativa per verificarne la fattibilità e la coerenza con le finalità del POF e con i criteri di qualità indicati dal Collegio dei docenti; 
  • collaborare alla redazione e aggiornamento del documento POF secondo gli orientamenti e le scelte del Collegio dei docenti; 
  • reperimento informazioni su progetti nazionali, europei, in rete ed elaborazione di progetti a fronte di finanziamenti esterni; 
  • supporto alla stesura dei progetti;  
  • sostegno e coordinamento  della progettazione dell’offerta formativa.  
  • Supporto all’organizzazione del lavoro dei docenti in relazione all’area di riferimento

 

 

 2. Area Inclusione  

Sostegno agli alunni disabili 

Compiti specifici:  

  • predisposizione di interventi e servizi per gli alunni in situazione di disagio e diversamente abili; 
  • collaborazione con il Dirigente nell’organizzazione interna dell’istituto per quanto riguarda le risorse ed il personale destinati ai progetti di integrazione degli alunni con disabilità; 
  • coordinamento dell’azione degli insegnanti di sostegno attraverso riunioni di commissione, incontri informali e indicazioni anche in collaborazione con il coordinatore di Dipartimento Integrazione scolastica; 
  • coordinamento dei rapporti con l’ASL, con i servizi sociali e con il servizio di psicologia scolastica; 
  • coordinamento dei progetti di continuità a favore degli alunni diversamente abili nel passaggio ai diversi ordini di scuola; 
  • cura del raccordo tra PEI e  le progettazioni di sezione/classe, con la predisposizione di percorsi didattici specifici congruenti e integrati; 
  • adozione di metodologie specifiche per favorire l’inclusione degli alunni, anche attraverso mediatori didattici e l’utilizzo di tecnologie informatiche multimediali; 
  • cura dei rapporti con le famiglie; 
  • valorizzazione del contributo educativo delle famiglie; 
  • ricerca, organizzazione e diffusione di interventi, strategie, mezzi, sussidi, contatti con enti e personale specializzato (es. sportello d’ascolto) ecc ai fini dell’integrazione e della reale inclusione degli alunni in situazione di disagio, degli alunni diversamente abili, degli alunni stranieri, degli alunni con DSA sia già certificato che da accertare e segnalare;  
  • elaborazione ed esecuzione di progetti a fronte di finanziamenti esterni; 
  • collaborazione con il Dirigente scolastico e con i collaboratori del Dirigente alla formazione delle classi secondo i criteri deliberati dal Collegio e dal Consiglio d’Istituto; 

 

 

sostegno e supporto all’area BES 

Compiti specifici:  

  • predisposizione di interventi e servizi per gli alunni in situazione di disagio; 
  • collaborazione con il Dirigente nell’organizzazione interna dell’istituto per quanto riguarda le risorse ed il personale destinati ai progetti di integrazione degli alunni con DSA e BES; 
  • coordinamento dell’azione degli insegnanti curricolari e di sostegno attraverso riunioni di commissione, incontri informali e indicazioni; 
  • coordinamento dei rapporti con l’ASL, con i servizi sociali e con il servizio di psicologia scolastica; 
  • coordinamento dei progetti di continuità a favore degli alunni con DSA e BES nel passaggio ai diversi ordini di scuola; 
  • cura del raccordo tra PDP e  le progettazioni di sezione/classe, con la predisposizione di percorsi didattici specifici congruenti e integrati; 
  • adozione di metodologie specifiche per favorire l’inclusione degli alunni, anche attraverso mediatori didattici e l’utilizzo di tecnologie informatiche multimediali; 
  • valorizzazione del contributo educativo delle famiglie; 
  • eventuale aggiornamento del Protocollo di accoglienza e predisposizione del modello di Piano Didattico Personalizzato; 
  • collaborazione e guida per i docenti per la redazione del Piano Didattico Personalizzato; 
  • organizzazione di iniziative di formazione; 
  • coordinamento delle attività del GLI; 
  • ricerca, organizzazione e diffusione di interventi, strategie, mezzi, sussidi, contatti con enti e personale specializzato (es. sportello d’ascolto) ecc ai fini dell’integrazione e della reale inclusione degli alunni in situazione di disagio, degli alunni diversamente abili, degli alunni stranieri, degli alunni con DSA sia già certificato che da accertare e segnalare, degli alunni con BES;  
  • elaborazione ed esecuzione di progetti a fronte di finanziamenti esterni; 
  • collaborazione con il Dirigente e con i collaboratori del Dirigente alla formazione delle classi secondo i criteri deliberati dal Collegio e dal Consiglio d’Istituto 

 

 3. Internazionalizzazione a supporto degli studenti 

La referente diretta è la Coordinatrice del Dipartimento Lingue che, a nome dell’Area Linguistica, ed in base al Comma 7 a sviluppa proposte progetti per la valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche, con particolare riferimento all'italiano nonché alla lingua inglese e ad altre lingue dell'Unione europea, anche mediante l'utilizzo della metodologia Content language integrated learning, proponendo ed attuando percorsi di  : 

  • Potenziamento attraverso percorsi di competenza disciplinare in Inglese ( con esami IGCSE).
  • Supporto e potenziamento della programmazione del dipartimento di lingua straniera.
  • Supporto organizzativo all’effettuazione di progetti internazionali volti al potenziamento delle abilità linguistiche/comunicative e all’accrescimento della consapevolezza della propria cittadinanza europea, con particolare riguardo al bilinguismo e alle classi Cambridge.
  • Recupero e potenziamento con sportello pomeridiano, per gli studenti che presentino carenze o difficoltà linguistico-espressive.
  • Recupero e potenziamento con interventi in orario curricolare ed extra attraverso l’articolazione del gruppo classe (Le c.d. Classi Cambridge).

 

 

Coordinamento e gestione Area Legalità

In relazione al Comma 7 d,  sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la  valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture, il sostegno dell'assunzione di responsabilità, nonché della solidarietà' e della cura  dei beni comuni e della consapevolezza dei diritti e  ei doveri; potenziamento delle conoscenze in materia giuridica ed economico-finanziaria e di educazione all'autoimprenditorialità.

 

Con l’assegnazione di docenti di Discipline giuridiche ed economiche, è stato possibile dedicare sempre maggiore attenzione all’area Legalità : i referenti operano in stretta collaborazione con la Dirigenza, Vicepresidenza, FFSS e coordinatori di classe, nella convinzione che  “Educare alla cittadinanza e alla legalità sono il cardine del lavoro educativo-didattico della Scuola Secondaria a partire dallo studio teorico, ma integrandolo con la pratica quotidiana, con il rispetto delle regole, l’assunzione di responsabilità individuale e del gruppo classe, la socializzazione e la pratica del supporto a chi ha bisogno, la solidarietà e il volontariato, il dono di sé e del proprio tempo, lo studio della storia e la pratica della democrazia, ecc. 

La scuola è da sempre attenta a rilevare e migliorare le competenze chiave di cittadinanza degli studenti attraverso un controllo continuo dei risultati acquisiti. Il comportamento degli studenti e il rispetto delle regole. Per promuovere le competenze civiche e il rispetto delle regole si concordano obiettivi socio-comportamentali comuni, incentivando la partecipazione degli studenti a vari progetti di volontariato, di educazione alla legalità, di salvaguardia e valorizzazione della memoria storica e artistica, di prevenzione dell’aggressività e del bullismo, di educazione alla salute e al rispetto delle persone e dell'ambiente. Si prevede di realizzare molteplici progetti curricolari ed extracurriculari, atti a sviluppare una corretta coscienza civica e una partecipazione propositiva nella società. 

Autovalutazione d’istituto e valutazione del sistema educativo di istruzione

L’avvio della valutazione del sistema educativo di istruzione, secondo il procedimento previsto dall’art. 6 del D.P.R. n. 80/2013, introduce la Valutazione, interna ed esterna, delle istituzioni scolastiche come processo per individuare da parte delle stesse gli aspetti positivi da mantenere e consolidare e gli elementi di debolezza in relazione ai quali realizzare azioni di miglioramento. La prima tappa del processo di autovalutazione è stata l’elaborazione di un rapporto di autovalutazione, RAV, in formato elettronico, secondo un quadro di riferimento predisposto dall'Invalsi, e la successiva formulazione di un piano di Miglioramento”. Il  3 novembre 2015 sono stati pubblicati on line su “Scuola in chiaro” i Rapporti di autovalutazione delle scuole, frutto di un anno di lavoro in cui i NIV, i Nuclei interni di Valutazione, hanno confrontato i propri dati con quelli provinciali, regionali e nazionali relativamente agli esiti degli scrutini e degli Esami di Stato, ai risultati delle prove Invalsi, alle informazioni sulla prosecuzione negli studi o nel mondo del lavoro degli studenti diplomati, alle caratteristiche del dirigente scolastico (anni di esperienza, tempo di permanenza nella scuola), alle caratteristiche del corpo insegnante (dall'età media dei docenti alla tipologia di contratto prevalente), alle informazioni dettagliate sull'organizzazione del curricolo e della progettazione didattica. 

 

Con la chiusura e la pubblicazione del RAV si è aperta la fase di formulazione e attuazione del Piano di miglioramento secondo quanto indicato nella Nota Miur 7904 del 1 settembre 2015. La normativa stabilisce che a partire dall'inizio dell'anno scolastico 2015/16 tutte le scuole sono tenute a pianificare un percorso di miglioramento per il raggiungimento dei traguardi connessi alle priorità indicate nel RAV. 

La responsabilità della gestione del processo di miglioramento è affidata al dirigente scolastico, che si avvarrà delle indicazioni del nucleo interno di valutazione costituito per la fase di autovalutazione e per la compilazione del RAV. L’azione sinergica del dirigente scolastico e del nucleo di valutazione è finalizzata a: incoraggiare la riflessione dell'intera comunità scolastica attraverso una progettazione delle azioni che introduca nuovi approcci al miglioramento scolastico, basati sulla condivisione di percorsi di innovazione. Intende promuovere la conoscenza e la comunicazione anche pubblica del processo di miglioramento, prevenendo un approccio di chiusura autoreferenziale. La Legge 107/2015 stabilisce che il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF), documento fondamentale costitutivo dell’identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche che esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa e organizzativa, sia integrato con il piano di miglioramento dell’istituzione scolastica, previsto dal D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80.  Il Piano di Miglioramento del Liceo Democrito parte dalla Priorità indicata nella sezione 5 del RAV “Riduzione della variabilità tra le classi” e si sviluppa attraverso quattro fasi: 

  • individuazione di tre aree di processo in cui operare azioni per il miglioramento: scelta degli obiettivi di processo più utili alla luce delle priorità individuate nella sezione 5 del RAV; 
  • pianificazione degli obiettivi di processo individuati; 
  • monitoraggio dei risultati ottenuti;
  • valutazione, condivisione  e diffusione dei risultati alla luce del lavoro svolto dal Nucleo Interno di Valutazione. 

Il piano di Miglioramento è comunque uno percorso “aperto” perchè il miglioramento andrà verificato in itinere per l’eventuale re-indirizzamento delle azioni di miglioramento previste. Le tre are di processo e i relativi obiettivi individuati sono indicati nella specifica tabella nel Piano di migliorato del Liceo Democrito. 

Referente e Gruppo del NIV : Nucleo Interno di Valutazione, il c.d. Team dell’autovalutazione d’istituto si occupa del coordinamento del Rav e Piano di Miglioramento, Compiti specifici:  

  • collaborazione con il Dirigente nella cura e coordinamento di tutti i percorsi necessari all’autovalutazione d’istituto, in piena condivisione con i collaboratori del Dirigente e  i referenti di Dipartimento
  • cura e coordina lo studio delle comunicazioni relative agli adempimenti richiesti, alla completa organizzazione delle prove, all’analisi e valutazione della restituzione dei risultati ecc 
  • tiene i rapporti con l’INVALSI, anche con il supporto dell’area di competenza del Dsga, in collaborazione con l’assistente amministrativo incaricato dei rapporti con l’ente:.; 
  • partecipa individualmente e come gruppo alla formazione specifica e cura la predisposizione di momenti di auto/formazione relativa alla valutazione annuale, e al monitoraggio delle attività 
  • coordina l’analisi e la valutazione delle risultanze delle prove comuni in ingresso e finali (modalità, tempi, raccolta degli esiti), elaborandone anche le comunicazioni relative alla restituzione dei risultati; 
  • realizzazione di forme di autovalutazione in relazione al servizio erogato; 
  • avvio e realizzazione di forme di monitoraggio del livello di soddisfazione dell’utenza; 
  • supporto al ds nella predisposizione e nel monitoraggio del piano di miglioramento per il raggiungimento dei traguardi connessi alle priorità indicate nel RAV; 
  • monitoraggio dei progetti didattici; 
  • collaborazione con il ds nella predisposizione di modalità di controllo dei processi. 

 

 

Commissione Pof – Ptof e Team delle Funzioni Strumentali 

 

Compiti specifici:  

  • coordinamento delle attività curricolari ed extracurricolari; 
  • progettazione, coordinamento e realizzazione di interventi e servizi a favore degli studenti; 
  • coordinamento con Enti, Istituzioni ed Associazioni sul territorio; 
  • coordinamento e gestione delle attività di accoglienza, continuità e orientamento; 
  • individuazione di soggetti esterni per coordinarsi su proposte e iniziative di progettazione specifica; 
  • coordinamento e promozione della progettazione integrata d’intesa con Enti ed Istituzioni territoriali; 
  • realizzazione di manifestazioni, “giornate“ mirate, feste e progetti tesi all’apertura e condivisione di una scuola aperta al territorio, in stretto contatto con Istituzioni ed Enti del territorio; 
  • promozione e realizzazione della giornata di scuola aperta, della trasparenza ecc; 
  • cura della pubblicizzazione e della documentazione dell’Istituto. 

  

 

Comunicazione, documentazione e nuove tecnologie -  PNSD e relativo Piano di formazione

 

Il Piano Triennale per la digitalizzazione della scuola rientra tra gli obiettivi principali della legge 107 in cui, attraverso lo stanziamento di risorse e di fondi strutturali europei, permetterà alla scuola quel processo di innovazione e di acquisizione delle competenze digitali necessarie per la scuola del futuro.

L’Innovazione Informatica  proviene dalle necessità e richieste del Pof d’istituto, approvate e deliberate dal Consiglio d’Istituto, riconfermate, anche ad inizio a.s. 2016/17 dal Collegio Docenti in particolare dall’Animatore digitale e dal Team per l’Innovazione tecnologica. La Prof. Roberta Bolzanello , che è anche referente per l’Innovazione tecnologica, segue con molto impegno e con molta attenzione installazione, manutenzione e aggiornamento della strumentazione necessaria.  Si occupa anche del sito e della sua funzionalità, segue e monitora l’intero sistema, relazionando regolarmente al Dirigente e al Collegio docenti 

 

L’istituto è impegnato nella definizione e formazione, prevista dalle diverse Azioni del Piano di Formazione del personale : la formazione dei docenti deve essere centrata sull'innovazione didattica, tenendo conto delle tecnologie digitali come sostegno per la realizzazione dei nuovi paradigmi educativi e la progettazione operativa di attività. I poli (scuole capofila di rete) e gli snodi (sedi di corso) sono individuati mediante tre diversi bandi. I poli per la formazione degli animatori digitali (DM 435/15) e per il team per l'innovazione (DM 762/14) e finanziati attraverso le risorse del PON 2014-2020. 

Tutto il Piano è verificabile sull’area dedicata del sito istruzione.it, con ulteriori comunicazioni, chiarimenti e dettagli relativi al percorso applicato nel Liceo, reperibili nell’area Scuola Digitale : La scuola sta operando in base alla legge 107, in modo da offrire al territorio una didattica sempre più innovativa ed allineata alle esigenze dei propri studenti. 

 

Relativamente al Progetto "promozione di ambienti di apprendimento laboratoriali " il  liceo sta attuando il piano nazionale di sviluppo digitale  triennale ( il relativo documento e  riportato nel PTOF),  ed ha individuato, a seguito di specifico incontro plurilaterale con tutti i docenti con competenze digitali avanzate che hanno designato il proprio Animatore Digitale, successivamente approvato con delibera del CD nella persona della prof.ssa Roberta Bolzanello. E’ stato inoltre collegialmente designato Team per l'innovazione tecnologica nelle persone dei proff.  Antonella Benedetto, Patrizia Cesari e Stefano Ruvolo, con le specifiche competenze, anche grazie all’attivazione della Classe 2.0, e che presentano specifiche competenze nell’area  informatica, del coordinamento dell’istituto, della sicurezza.

 

L’animatore digitale , figura introdotta dal Piano Nazionale per la Scuola Digitale, ha un ruolo strategico nella diffusione dell’innovazione digitale a scuola. Deve occuparsi di: 

  • formazione interna attraverso l’organizzazione di laboratori formativi  favorendo la partecipazione di tutta la comunità scolastica alle attività formative coinvolgimento della comunità scolastica per la realizzazione di una cultura digitale condivisa attraverso momenti formativi anche con le famiglie e altri attori del territorio e favorendo la partecipazione degli studenti ad attività anche strutturate sul tema del Piano Nazionale per la scuola digitale 
  • creazione di soluzioni innovative con l’individuazione di soluzioni metodologiche e tecnologiche sostenibili da diffondere all’interno degli ambienti della scuola.  

 

 

 

Per la prevista formazione delle figure uniche, come Ds e Dsga, e di altre figure di riferimento, sono stati segnalati, ed inseriti al sistema, i nominativi dei Docenti e del Personale incaricato per svolgere i diversi ruoli relativi al PNSD, proposti e deliberati nel Collegio Docenti o designati dal Dsga. Relativamente ai docenti è stato possibile candidare solo i 10 docenti inseriti al sistema, numero massimo di docenti da formare secondo le note MIUR. 

 

 

Ruolo

Formazione per 

Sede 

Note informative

Dirigente Scolastico

Paola Bisegna

L. Kennedy

completata 

Dsga 2015/16

Luconi

L. Keplero

completata 

Dsga 

Castro

L. Kennedy

completata

animatore digitale

Si Bolzanello

IS M.di Savoia

I parte – completata 

 

 

 

II parte – completata

Team per l'innovazione tecnologica

Cesari – Benedetto -Ruvolo

L. Pascal

I parte – completata

 

 

L. Pascal 

II parte – completata

 

Docenti 

10 docenti : Vecchione, Argese, Gioffrè, Bogo, Passa, Properzi, 

D’Appollonio, Franchi, Tomassetti, Contardi 

L. Plauto

Avviata il 14 /3/17 

Assistenti Amministrativi 

Palmieri – Luretti 

 

In corso

Assistenti tecnici 

Palmisano

 

Data da definire

 

Gestione della comunicazione interna ed esterna, attraverso il sito web : www. liceodemocito.it

Compiti specifici:  

  • gestione e aggiornamento del sito web della scuola sulla base della normativa vigente;  
  • coordinamento, gestione e diffusione organizzata delle informazioni e di materiale didattico tramite il sito web dell’Istituto; 
  • predisposizione di forme e strumenti di documentazione, comunicazione e di divulgazione, in particolare attraverso il sito web d’Istituto  
  • costituzione e aggiornamento dell’archivio didattico: coordinamento della raccolta dei prodotti delle diverse attività e progetti, ritenuti particolarmente significativi; 
  • promozione e coordinamento delle modalità di comunicazione scuola/famiglia, anche ai fini delle iscrizioni e degli inserimenti in itinere; 
  • supporto ai docenti nell’uso delle tecnologie nella didattica (consentire la più ampia conoscenza, formazione e utilizzo delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione); 
  • sostegno nell’utilizzo del registro elettronico, completa implementazione dell’utilizzo del registro elettronico; 
  • elaborazione di progetti per il potenziamento delle dotazioni informatiche; 

 

  • gestione e supervisione delle postazioni informatiche; 
  • richiesta di interventi tecnici relativi alle dotazioni informatiche 
  • rinnovo e aggiornamento modulistica per i docenti e le famiglie. 
  • Pubblicazione di locandine illustrative delle diverse iniziative, grazie al supporto del prof. Isola (referente per l’area artistico-creativo) 

In quest’ottica è stata emanata una Determina per assegnare l’amministrazione e gestione del sito web dell’IS alle seguenti figure professionali

  • All’ Amministratore di rete : alla Ditta Leonardo Pizzoferrato, in continuità con l’incarico di impostare la struttura del sito, detenendo le credenziali di amministratore, nell’ambito degli incarichi connessi all’attività di Amministratore di rete
  • Alla Dsga Mariagrazia Castro, per tutte le aree e questioni inerenti all’area amministrativo – contabile del sito, in particolare per la c.d. “Amministrazione Trasparente” del sito dell’IS , di cui detiene le credenziali di accesso . Per tale ruolo ha ricevuto, in anni e scuole precedenti, aveva ricevuto  specifica formazione
  • Alla Prof.sa Roberta Bolzanello, in qualità di Referente per l’innovazione tecnologica e curatrice del sito per le aree connesse alle questioni didattiche. Per tale ruolo ha ricevuto, in anni precedenti, la specifica formazione

In tali ruoli, le suddette figure professionali saranno aiutate ed assistite, nella quotidianità, da :

  • 1 AT, come supporto alla Dsga per le aree di sua competenza
  • 1 docente, individuata come collaboratore alla comunicazione (sito web) con il supporto e la consulenza della Referente, per le aree di sua competenza, in particolare per l’area “ Alternanza Scuola Lavoro”

All’interno dell’IS esistono altre figure professionali, cui sono state assegnate altre credenziali di accesso, che sono incaricate dell’inserimento di file  sul sito, in particolare per le seguenti aree :

  • Assistenti Amministrativi, per tutte le aree relative alla propria competenza
  • Personale Co-co-co, in centrale e succursale, per le Circolari/Comunicazioni/Avvisi, la Bibliomediateca  e per i libri di testo in adozione
  • Docenti referenti di specifiche aree : Prof. Donatella Falciai per l’area Robotica, Prof. Christiane Chouery per l’area Mobilità  , Prof. Cynthia Tenaglia per l’area Internazionalizzazione

 

Gruppo di lavoro per l’inclusione  

Tale Gruppo di lavoro, coordinato dalla Dirigente, dalla referente Inclusione Prof. Nadia Rigatuso, dalla FS Lilla Vecchione e dalla coordinatrice del Dipartimento Sostegno Barbara Bianchini, è composto da coloro che si occupano di Sostegno agli alunni disabili e BES, dai coordinatori del Dipartimento di Integrazione scolastica, almeno un genitore di alunni disabili, un collaboratore scolastico, docenti curricolari, Assistenti all’inclusione e alla Comuniczione. Alle riunioni partecipa il medico di Neuropsichiatria infantile, responsabile della ASL di zona, rappresentanti dell’Ente locale, i rappresentanti delle strutture sanitarie che hanno in carico gli alunni, la cooperativa assegnataria del servizio Assistenza : Anffas Ostia, che collabora strettamente con la Dirigente scolastica e i docenti responsabili 

Il GLI include anche tutte le figure che afferiscono all’area : è stato istituito secondo la Direttiva Ministeriale  del 27 dicembre 2012 “Strumenti d’intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica”, svolge le seguenti funzioni: 

  • rilevazione dei BES presenti nella scuola; 
  • raccolta e documentazione degli interventi didattico-educativi posti in essere anche in funzione di azioni di apprendimento organizzativo in rete tra scuole e/o in rapporto con azioni strategiche dell’Amministrazione; 
  • focus/confronto sui casi, consulenza e supporto ai colleghi sulle strategie/metodologie di gestione delle classi; 
  • rilevazione, monitoraggio e valutazione del livello di inclusività della scuola; 
  • raccolta e coordinamento delle proposte formulate dai singoli GLH Operativi sulla base delle effettive esigenze, ai sensi dell’art. 1, c. 605, lettera b, della legge 296/2006, tradotte in sede di definizione del PEI come stabilito dall’art. 10 comma 5 della Legge 30 luglio 2010 n. 122; 
  • elaborazione di una proposta di Piano Annuale per l’Inclusività riferito a tutti gli alunni con BES, da redigere al termine di ogni anno scolastico (entro il mese di giugno), da sottoporre all’approvazione del Collegio dei docenti. 
  • Formazione delle figure specifiche e delle figure di supporto

 

Alternanza scuola lavoro -  ASL (L. 107/2015, commi 33-44) 

La legge 107/2015, comma 33, prevede per i licei lo svolgimento di almeno 200h di alternanza scuola – lavoro (ASL) nel corso del triennio, a partire dalle sole classi terze nell’a.s. 2015/16. Il Liceo “Democrito” realizza il progetto ASL “Lavorare...insegna!”, che vede coinvolti gli alunni di 9 classi quarte e 10 classi terze.

Ogni studente è tenuto a firmare e a rispettare un patto educativo con la scuola e con l'ente formatore. Lo studente ha anche l'obbligo di formarsi in relazione al tema sicurezza sul lavoro e primo soccorso.

Al termine del percorso formativo, l'ente formatore rilascerà una certificazione delle competenze acquisite che entrerà a far parte del curricolo dello studente e che contribuirà alla definizione del credito di fine a.s..

 

Comitato scientifico e referenti d'area  

  1. Comitato scientifico : Dirigente Paola Bisegna e prof.sse  Rosa Carlo (supporto al DS) - Donatella Falciai, 

Lucia Galdi,  - Angela Tedeschi che promuovono, formalizzano e presentano le diverse opportunità offerte da enti e ditte con cui la scuola, nella persona del Ds, sottoscrive apposita convenzione

 

Forniscono il loro supporto : 

  1. docenti OP :
  • Discipline giuridiche ed economiche per area  legalità-cittadinanza (prof.ri Di Liberto, Scrivano, afferenti al Dip. Storia e Filosofia);
  • docenti OP Discipline pittoriche/Disegno e Storia dell'arte per area artistico-museale (prof.ri Iuliano, Jelitro);
  • prof.sse Antonella Benedetto e Patrizia Cesari (Università), 
  • Floriana Franchi (area linguistica), 
  • prof.ssa Paola Venuta (area scientifica);
  • prof. Isola (area artistica) 

 

  1. tutor CdC e coordinatori CdC; coordinatori di Dipartimento.

 

Attività formative rivolte al personale Docente e agli studenti

Referente del piano è il Dirigente Scolastico, prof.ssa Paola Bisegna, con il supporto per l’area docenti di Vicepresidenza, FFSS e Referenti istituzionali, per il personale ATA del Dsga.

In particolare referente per la formazione  è la Prof. Giuseppina Todarello per tutta l’area della professionalità docente e la Prof. Nadia Rigatuso per tutta l’area che afferisce alla formazione per l’inclusione. 

In ottemperanza alla normativa vigente, vengono identificate le seguenti aree di formazione del personale in organico, come da specifico Piano Annuale predisposto dal DS e approvato dal Collegio:

  • Innovazione didattico-metodologica e TICE;
  • Inclusione con incontri seminariali del Gruppo GLI (Gruppo di Lavoro Inclusione);
  • Percorsi e metodologia CLIL;
  • Professione docente in Europa e Job shadowing;
  • Figura professionale del docente;
  • Docimologia;
  • Formazione neo-assunti;
  • Formazione docenti referenti aree istituzionali (inclusione DA, gestione Dsa e dei casi di figli adottivi;
  • Formazione animatore digitale;
  • Formazione nucleo di valutazione.

Area Sicurezza

 

In ottemperanza alla normativa vigente, vengono identificate le seguenti aree di formazione degli studenti come da specifico Piano Annuale predisposto dal DS e approvato dal Collegio:

  • Sicurezza sul lavoro (legge 107 comma 38);
  • Primo soccorso (legge 107 comma 10).

 

Attività formative rivolte al personale Ata 

Si fa esplicito riferimento a quanto indicato nelle sezioni “Il piano di formazione del personale” e “Reti di scuole e collaborazioni esterne” della nota MIUR prot. n. 2805 del 11.12.2015. Nel corso del triennio di riferimento l’Istituto scolastico si propone l’organizzazione delle diverse e necessarie attività formative, che saranno specificate nei tempi e modalità nella programmazione dettagliata per anno scolastico: 

Piano di informazione e formazione relativo alla sicurezza sul posto di lavoro

In ottemperanza al T.U. 81/08, il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione garantisce le informazioni in materia di salute e sicurezza e conduce simulazioni di evacuazione degli edifici. 

Mediante un esperto esterno viene svolta un'attività di formazione e informazione rivolta a Dirigente Scolastico e collaboratori di presidenza, docenti, Dsga e personale ATA e studenti. 

Figure che vengono regolarmente aggiornate sono gli Addetti Primo Soccorso e Prevenzione Incendi. 

Organico dell’autonomia e Assegnazione docenti alle aree di potenziamento (Legge 107/2015)

Si richiamano le attività didattiche che possono essere svolte dai docenti che, in attuazione della Legge 13 luglio 2015, n. 107, sono stati assunti nell'anno scolastico 2015-2016 e, da questo a.s., sono inseriti nell'organico dell’autonomia di questo liceo.  Si tratta di iniziative di potenziamento didattico svolte sulla base di progetti elaborati dagli OO.CC, che arricchiscono l'offerta formativa della scuola, specificamente previsti ed inseriti nel Ptof.

Tutti i docenti “potenziatori”,  come tutti gli altri, possono – se disponibili – effettuare le ore di Attività alternativa (opzione A) per i NA dell’IRC, oltre il proprio orario quindi come ore eccedenti, da retribuire con l’apposito finanziamento . Per le ore di assistenza allo studio (opzione B) per i NA dell’IRC, tutti i docenti possono esprimere la loro disponibilità ed inserirlo nel proprio orario di servizio d’obbligo.

Le attività sono svolte secondo il Piano di assegnazione comunicato al CD e alla Rsu 

 

Area Amministrativa

 

Organizzazione dei servizi generali e amministrativi 

 

 

Compete al 

Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi 

la competenza di gestione del personale addetto e del servizio, il tutto viene esplicitato nel relativo Piano di Lavoro Ata, predisposto dal Dsga e adottato dal Ds.

 

Assistenti Amministrativi  

 n° 6 unità + 2 cococo

 

Collaboratori scolastici 

n° 9 unità (o.f.) + Ditta delle pulizie

 

Assistenti Tecnici 

-3 nell’area informatica

-1 nell’area scientifica 

 

 

 

 

 
ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

Alternanza2a

Formazione e aggiornamento
OPZIONE ROBOTICA

logo rob lite

OPZIONE MUSICALE

Logo-Musica-2 lite

INT. GCSES / A-LEVELS

Edexcel Logo approved centreRGB-1

CLASSI CAMBRIDGE

Classi Cambridge NEW

Mobilità Studentesca Internazionale

mob.stud.inter

Cerca
P.T.O.F. 2016/19

PTOF

Offerta Formativa
 volantino open day thumb
25° Anniversario del L. Democrito
25democrito
Statistiche
Utenti : 157
Contenuti : 3394
Link web : 6
Tot. visite contenuti : 3737352

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per sapere di più sui cookies utilizzati in questo sito, leggi la nostra politica sui Cookies.

Cliccando sul tasto OK accetti utilizzo dei cookies.

EU Cookie Directive Module Information